I benefici dello Yoga

Se mi avessero chiesto dieci anni fa quali fossero i benefici dello yoga ed in cosa veramente consistessero, non avrei saputo rispondere o avrei pronunciato parole inutili, vedevo lo yoga come qualcosa di alieno e di non molto chiaro. Lo Yoga è 99% pratica e 1% teoria,  senza pratica tutto questo sembra non avere senso o forse non possibile. La grande magia di questa disciplina è proprio questa, se non la si pratica rimane una cosa poco comprensibile , se la si pratica invece sa donare momenti molto profondi, un corpo perfetto ed una mente più serena e ci si rende conto della potenza del respiro e della forza del presente. Il presente e il suo viverlo consapevolmente è per molti una scoperta, un aspetto che pochi pensano così importante, invece lo Yoga insegna proprio questo, energia consapevole in entrata (Prana) e non attacamento in fase di rilascio (Yama). Infatti per tutte le filosofie orientali l’attaccamento è la fonte del dolore e della sofferenza. Lasciar correre, farsi scivolare le cose addosso e non farsele attaccare a noi sono doti da conquistare con molta pratica ed esercizio, lo Yoga cerca anche di insegnare tutto questo, oltre che salute e benessere

Lo Yoga ha circa 7000 anni, quindi una disciplina antichissima e significa unione tra mente e corpo, cerca proprio di sviluppare la connessione tra queste nostre due parti distinte, creando unione, creando salute.

In parole semplice, lo Yoga è uno strumento antico in grado di:

  1. insegnarci a respirare profondamente tramite tecniche millenarie 
  2. apprendere la conoscenza più intima del nostro corpo tramite le posizioni 
  3. allungare la muscolatura del corpo donandoci un diffuso e generale stato di benessere.

Questi riassumendo, sono i tre fondamentali benefici che si acquisiscono e mai avrei pensato che si potessero raggiungere semplicemente applicandosi e compiendo le posizioni (asana) caratteristiche dello yoga stesso , effettuate respirando in un certo modo.

Ma vediamo le caratteristiche nel dettaglio.

1. Respirazione nello Yoga: tutti noi respiriamo normalmente, spesso senza farci caso, come durante la notte, infatti l’atto del respirare avviene automaticamente, ma è l’unico atto incoscio che possiamo anche controllare, e non è un caso . La respirazione nello Yoga è chiamata PranaYama, una parola composta da due parole , Prana e Yama.

Prana, è la forza vitale, è ciò che noi assorbiamo, quindi in primis il respiro e poi il cibo e tutto ciò che ci circonda

Yama, è ciò che è senza controllo, al di là del controllo, è l’opposto dell’inspirazione, è l’espirazione, quando si svuotano i polmoni.

Quando inspiriamo mettiamo energia dentro di noi e la mettiamo in maniera consapevole quando si fa Yoga, e lavoreremo sul nostro corpo sempre in fase di inspirazione , quando espiriamo ci svuotiamo e siamo nel nulla, stiamo liberando la nostra energia, ci troviamo senza controllo ma pronti per riprenderlo. 

A questo link trovate anche i tipi di respirazine e i modi per esercitarsi a respirare consapevolmente

2. Conoscenza del nostro corpo con lo Yoga: praticando lo Yoga, con la respirazione che si mette in atto, abbinata agli esercizi, quindi con il PranaYama, si arriva ad un livello di conoscenza del nostro corpo molto elevata e si accresce quindi anche la consapevolezza di noi stessi. Questo è dovuto al fatto che con la tecnica della respirazione , abbinata all’esecuzione dell’esercizio e del mantenimento della posizione, proverete voi stessi che il corpo e le nostre capacità di allungamento e di resistenza aumentano notevolmente, riempiendo i polmoni in maniera completa e profonda, tramite inspirazioni profonde e lente vedrete le vostre capacità (concentrazione e fisiche) accrescere.  

3. Allungamento della muscolatura con lo Yoga : è quello che in inglese chiamiamo tutti stretching. Allungando la muscolatura e diventando quindi più elestici e snodati avremo dei benefici enormi a livello di salute muscolare in generale fisicamente. Non solo, nello yoga vengono svolti molti esercizi che coinvolgono l’intestino e i muscoli addominali che vanno spesso in torsione, questi esercizi servono a massaggiare l’intestino e a rinforzare i muscoli addominali donando un intestino meno irritabile e più funzionante.  Durante gli esercizi, tramite la tecnica di respirazione corretta, vedrete i vostri limiti aumentare ogni giorno, è questo un aspetto che non si conosce se non si pratica lo Yoga, l’importanza della respirazione è molto sottovalutata dalle altre discipline.

Il saluto al Sole : è il più completo dei cicli di esercizi, il riscaldamento dello Yoga, quello che ci prepare ad affrontare tutti gli altri o può anche essere fatto come un esercizio a sè stante. E’ composto da 12 esercizi, come le ore dell’orologio e cerca di metterci in relazione al Sole per catturare la sua energia . Può venir fatto da principanti o esperti e tramite un respiro controllato e in armonia con il movimento del corpo, cerca di creare una buona connessione tra la mente e il corpo

Come per tutte le discipline, il maestro svolge un ruolo fondamentale, nello Yoga ancora di più, un ottimo maestro ci darà molto in tutti i sensi. Io ebbi la fortuna di trovarmi in Thailandia ed ebbi la fortuna di praticare Yoga con una maestra locale molto preparata e appassionata che studiò questa disciplina in India ed in Nuova Zelanda e le lezioni erano veramente meravigliose, interessanti e profonde e ho imparato molto, e non solo lo Yoga ma anche un modo di pensare che mi è stato molto utile e che non dimenticherò mai. Frequentai la sua classe per 5 anni , da Lunedì al Venerd’, tutti i giorni per 5 anni , dalle 9 alle 10 del mattino. Era un appuntamento fisso e non potevo mai mancare, non potevo rinunciare ad un beneficio così grande! La tonificazione muscolare che si riceve dalla pratica quotidiana è qualcosa da provare, lavoravo anche 10 ore di fronte al computer ma non ebbi mai dolori alla schiena o altri dolori, prima di praticare lo Yoga invece spesso ero attanagliato da dolori alla schiena , spesso la sera, ma con lo Yoga furono solo più un ricordo. Anche i piccoli problemi muscolari che si verificano spesso facendo fitness, con lo Yoga non esistono e non si verificano mai in quanto lo sforzo è commisurato all’esperienza che si ha e il peso è sempre e solo quello del nostro corpo. I movimenti eseguiti sono studiati ed eseguiti da millenni ed apportano solo benefici, dando vita anche ad una circolazione sanguigna migliore, in quanto la pressione tenderà ad abbassarsi.

Un’altra caratteristica dello Yoga è quella degli esercizi da compiere a testa in giù. Infatti durante la nostra vita stiamo sempre in piedi o seduti, ma sempre con i piedi per terra e la testa in aria. Questo modo tipico di vivere dell’uomo, e di tanti altri animali, fa sì che gli organi interni scendano durante la vita, grazie al proprio peso, e scendono tanto più in basso tanto più invecchiamo. Gli esercizi che si fanno a testa in giù, comunemente chiamati inversioni, vanno proprio a contrastare questa fisiologica propensione dei nostri organi di venire attratti dalla forza di gravità e quindi di scendere. Andando a metterci a testa in giù rinforziamo i muscoli che li sostengono e li circondano, ristabiliamo una posizione più vicina possibile degli organi all’originale e aumentiamo anche la nostra percezione di equilibrio in una situazione ribaltata. 

Tratterò argomenti più specifici sullo Yoga nei prossimi capitoli…seguitemi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *