Disturbi intestinali, cosa mangiare

04 Nov. 2020

Passa tutto di qui, l’intestino è il luogo destinato all’ultima fase della digestione , è l’ultimo tratto dell’apparato digerente e di fondamentale importanza per la nostra salute, non solo fisica. Nell’intestino si innescano più del 50% dei fattori che determinano la nostra salute o la nostra malattia.

Abbiamo già parlato dell’importanza del microbiota intestinale in un articolo precedente e sappiamo ormai che qui si trovano circa 400 – 500 specie di microrganismi: batteri, virus, funghi e protozoi. Ed è qui che troviamo i tre quarti dell’intero sistema immunitario.  I microbi intestinali rappresentano un peso di un chilo e mezzo e quindi è un bagaglio importante di cui prendersi cura. E’ stato studiato che i bambini del Burkina Faso possiedono una popoloazione di microbi più varia e ricca dei bambini cresciuti in Italia, questo dovuto al fatto che si cibano quasi esclusivamente di vegetali e in larga parte di fibre. 

Libro consigliato

L'intestino è l'organo responsabile del primo contatto con le sostanze nutritive che ingeriamo ogni giorno, quindi non stupisce che un suo cattivo funzionamento possa avere un impatto negativo sul nostro benessere. Nuovissima è invece la scoperta che la salute non dipende solo dalle condizioni delle cellule umane, ma anche dallo stato in cui versa l'enorme popolazione di batteri che vivono nel nostro corpo e in particolare proprio nell'intestino. Oggi sappiamo che questi microscopici coinquilini che dividono con noi la loro sorte sono responsabili di una quantità di funzioni fondamentali per il raggiungimento e il mantenimento di un adeguato stato di benessere.

Putredina Reale

Ricordiamo che putredina reale fu il nome usato per chiamare il cancro nei secoli passati. Era una malattia che colpiva soprattutto i nobili, da qui l’aggettivo reale, in quanto nei secoli scorsi , solo i nobili e i benestanti potevano permettersi la cacciagione fresca, mentre i contadini si alimentavano principalmemente con verdura e cereali e, raramente di carne. Il termine putredina sta ad indicare che va in putrefazione, che è ciò che accade proprio alla carne, che se non espulsa in tempo può causare quel tipo di problema nel nostro intestino fino a condurci al cancro. Il cancro allo stomaco o al duodeno sono molto frequenti ai giorni nostri, la carne non la mangiano solo più i nobili, questo è il motivo, non bisogna certamente studiare 30 anni per capire che l’ascesa dell’alimentazione carnea ha portato una serie di gravi problematiche in larga scala, basti comparare i paesi con un alto tasso di consumo di carne con quelli a basso tasso di consumo per vedere la differenza della diffusione di certi cancri.

Pesce e carne sono alimenti che danno acidosi e sono alimenti che faticano molto più della verdura per scendere e liberare l’intestino. Depositi minimi sono frequenti e depositi protratti sono molto pericolosi. Il senso di spossatezz, il mal di teste e altri malesseri sono proprio i sintomi di depositi cronici nell’intestino.

Come sapete l’intestino è lungo mediamente quasi 7 metri e deve rimanere il più pulito possibile. L’intestino di altri animali che si cibano di carne è lungo sette volte di meno, quindi capite che per noi la digestione rappresenta un processo più lungo. Anche i medici dei secoli scorsi conoscevano bene l’importanza di avere un intestino libero e ben funzionante e davano la giusta importanza alla purificazione del tratto digerente, cosa che ai giorni nostri non viene più utilizzata come modalità standard. Sembra quasi che l’ntestino sia meno importante di prima, o come se avessimo perso il contatto con la realtà. 

Libro consigliato

La digiunoterapia come scelta radicale di mantenimento della salute, di prevenzione e di cura, è approfondita in questo libro che ne illustra la validità salutistica, la valenza estetica, l'efficacia per il recupero del benessere psico-emotivo. Ritrovare l'intelligenza del corpo con una pratica così semplice e così ecologica è il dono più bello che si possa ricevere con pochi giorni di astensione dal cibo. Una piccola rivoluzione che libera il corpo dall'acidosi metabolica e dalle tossine che ammalano, da diete frustanti quanto inutili, dall'assunzione costante di farmaci.

Non si parla più di digiuno per esempio, un utilissimo metodo per fare del bene all’intestino, spesso determinante nella cura del problema, cosa che negli anni passati ricopriva un ruolo molto importante, non si consigliano più metodi di sicuro beneficio ma molto più facilmente si consigliano medicine per correre ai ripari.

Il lento passaggio o ancor peggio, il deposito di scorie nell’intestino è cosa da evitare, infatti è certamente fonte di problemi seri ed infezioni che sfociano poi in stanchezza diffusa e febbre se l’infezione persiste. L’intestino è veramente la sede della salute e il suo equilibrio ci dona un sistema immunitario efficiente che può fare fronte agli attacchi esterni ed anche a sedare l’insorgenza di patologie.

Parlando di intestino non si parla solo di salute fisica ma anche “mentale”. Infatti sono ormai molti gli studi che parlano di correlazione tra intestino e cervello. I batteri del microbiota sono importanti anche per la mente che ne gioverebbe, così dicono le ricerche. D’altronde che l’intestino sia una seconda mente non era un segreto, d’altronde si è sempre detto “pensare di pancia” e non era per sbaglio. E’ provato scientificamente infatti che pensiamo molto meglio se siamo a posto con l’intestino, la salute di quell’apparato si manifesta anche nella freschezza di mente e nel tono dell’umore, basti pensare alla mancanza di ferro che porta problemi di depressione e perdita della libido. Un intestino che quindi influenza anche la mente e la nostra vita in maniera determinante. 

La relazione FALSA a cui tendiamo è credere che la presenza di anticorpi siano segno di buona immunità, nulla di più falso. L’introduzione di anticorpi in un sistema immunitario forte fa sì che gli stessi vengano distrutti e trattati come elementi da eliminare in quanto tossici. Un perfetto sistema immunitario rifiuta gli anticorpi perchè sa come procurarseli naturalmente, e sa come correre ai ripari in caso di attacco, vedete come la logica ribalta la cieca ricerca di immissione di anticorpi estranei nel corpo. Possiamo prendere visione di questi studi qui

La medicina dovrebbe studiare a fondo e senza compromessi il sistema immunitario che invece è sottovalutato, non approfondito, non ne sappiamo come invece dovremmo. E’ evidente che un sistema immunitario perfetto non giovi a Big Pharma e ai suoi amministratori delegati che devono la loro fortuna economica proprio sull’immuno depressione, un argomento che sembrano cavalcare a tutta forza per portare più fasce di popolazione verso la necessità di un loro intervento. Ci vogliono sempre tanto bene.

Un altro libro consigliato

Noi non siamo riformatori; siamo rivoluzionari. Delle riforme mediche, il mondo ne ha ormai piene le tasche. Riformare il sistema medico, sostituendo una serie di medicine ad un altro, è solo una ridicola farsa.In alcuni casi, questi cambiamenti potrebbero anche alleviare un male ma ne provocherebbero senz'altro un altro e sarebbe, quindi, come sostituire il rubare col truffare. Riformare l'Allopatia con l'Omeopatia, entrambe queste col fisio-medicalismo ed infine, il tutto, con l'ecletticismo sarebbe come sostituire il cedro o il succo di frutta col vino, il gin, il brandy o altro.Noi non abbiamo sostituti per i farmaci. Semplicemente li lasciamo da parte, come cose dannose. Noi non possiamo cambiare una frode, una menzogna.Possiamo solamente insegnare la verità. Il nostro sistema è indipendente da qualsiasi altro. Le sue premesse sono originali. Le sue dottrine non sono state mai insegnate nelle facoltà di medicina, né sono state mai riconosciute da alcun medico.Esse seguono (o forse precedono) tutto quanto è stato detto, fatto o supposto sulle vere Leggi della Natura. Non riconosciamo, inoltre, alcun vero trattato, se non quello scritto dalla stessa mano di Dio - l'immenso volume della Natura."Leggetelo attentamente e tenetelo come un tesoro ... se seguito attentamente, la vostra salute e quella dei vostri cari ne beneficerà immensamente consideratevi fortunati ad averlo!"

E quindi , cosa mangiare per stare bene? E dotarsi di un intestino sano ed in salute ? Dopo queste premesse la risposta va da sè: alimenti sani e freschi, possibilmente raccolti e assunti nel giro di pochi giorni, quindi frutti di stagione e non alimenti conservati a lungo in frigoriferi,  che perdono la carica vibrazionale e quindi anche le carattersitiche intrisiche all’alimento. Dobbiamo portare il nostro corpo ad un livello alcalino ottimale, quindi pochi strappi su alimenti acidi (cibi industriali, caffè, farine raffinate, glutine, latticini) e grande attenzione a ciò che si introduce perchè diventa ciò che siamo noi. Questo tipo di accorgimenti ci condurrà in un terreno adatto al mentenimento della salute, ci proteggerà dai malanni di stagione e da quelli più seri e vedrà il Covid da molto lontano, come qualcosa che non potrà entrare e se mai entrerà lo tratterà come tutti gli altri virus che tentano di destabilizzarvi, con facilità lo espellerà perchè non troverà la sua sistemazione in un ambiente in ordine e senza infiammazione. Per avere un pò di traccia su come alimentarVi in una giornata tipo potete cliccare qui e leggervi la Dieta della Salute . 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *